L'insegnante: Gianni Ventola Danese

Gianni Ventola DaneseTra i più conosciuti ed apprezzati insegnanti di fisarmonica diatonica in Europa e nel mondo, polistrumentista e autore musicale, da sempre impegnato su più fronti musicali, Gianni Ventola Danese inizia a studiare musica all'età di cinque anni a Torino sotto la guida del M° Andrea Gallo. Continua lo studio e il perfezionamento del pianoforte da autodidatta arrivando a formare un proprio repertorio da concerto comprendente svariate sonate di Beethoven fino alla raccolta dei preludi di Chopin. Sempre al pianoforte, si avvicina al repertorio jazzistico e alle tecniche dell'improvvisazione musicale.

La formazione musicale continua attraverso lo studio della vocalità e del repertorio coristico sotto la guida del M° Oddino Bertola che lo porterà a collaborare, sia in attività concertistiche sia nella registrazione di lavori discografici, con importanti corali e cori sinfonici italiani, tra i quali il "Cantus Firmus" diretto dall'organista Massimo Nosetti, la "Accademia del Santo Spirito" diretta dal M° Sergio Balestracci e il Coro dell'orchestra Filarmonica Romana diretto dal M° La Vecchia. Tra le esperienze più significative, la partecipazione al Festival Organistico Internazionale di Santa Rita, l'esecuzione del Dixit Dominus di F. Haendel al Festival Internazionale di Settembre Musica di Torino, l'esecuzione integrale della Passione secondo Giovanni di J. S. Bach presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino e della Sinfonia n. 9 di L. V. Beethoven presso l'Auditorium Conciliazione a Roma.

Nel 1999 inizia lo studio della fisarmonica diatonica affrontando tutto il repertorio folcloristico tipico di questo strumento, dalla musica del Suditalia, alle melodie occitane, passando per la musica irlandese e naturalmente per lo sterminato repertorio francese, dapprima prendendo alcune lezioni dal bandoneonista Vincenzo Caglioti e da Danilo Gatto, poi indirettamente sotto l'ispirazione del grande fisarmonicista francese Stéphane Délicq, e infine intraprendendo un percorso didattico autonomo di approfondimento che lo porterà, attraverso un proprio modello didattico per questo strumento, ad ampliare enormemente la letteratura musicale per fisarmonica diatonica. Grazie al suo lavoro di approfondimento sulla tecnica strumentistica e sul repertorio, la fisarmonica diatonica per la prima volta è uscita dal consueto repertorio popolare e folcloristico per approdare a nuovi orizzonti musicali: klezmer, jazz, tango argentino, musica d'autore, arrangiamenti di colonne sonore e di canzoni, musica classica.

È fondatore e Presidente dell’Accademia del Mantice, associazione per la valorizzazione della fisarmonica diatonica e del suo repertorio, e responsabile editoriale del più importante portale italiano dedicato a tale strumento (www.organetto.info). È stato invitato a tenere corsi di organetto presso i più importanti Festival nazionali e internazionali di musica folk quali: Tarantella Power, Capodanze, Zingaria Folk Festival, Reno Folk Festival, Gran Bal del Piemont, Festival del Folklore Garganico di Rignano. Unico suonatore di fisarmonica diatonica ad essere invitato a tenere un corso di perfezionamento presso il prestigioso Festival Internazionale di Musica Antica di Urbino. È stato invitato al Diatonisch International (primo Festival Internazionale sulla fisarmonica diatonica) tenutosi a Gratz in Austria, al "Trek er Ut" in Olanda e al "Café des Arts" a Parigi. Ha dato vita ai progetti musicali "FolkDuoLatino", portando in tournee nei paesi scandinavi il repertorio folk internazionale in compagnia della violinista Marta Herrera Vallejo, "Trio Danese" in compagnia del contrabbassista David Medina e della clarinettista Teresa Spagnolo, e "Duo Danese Davies" in compagnia di Beatrice Davies. Unico suonatore di fisarmonica diatonica italiano ad essere invitato a tenere un concerto presso la rassegna "Le Jours de France", la "Settimana della cultura francese a Roma" con un repertorio tutto francese. Primo e unico suonatore di fisarmonica diatonica ad avere registrato un cd di tango argentino in compagnia della violoncellista italiana Daria Rosso Poisa e della russa Natalia Nazarova, nel progetto musicale Colores de tango presentato a Parigi, San Pietroburgo, Bergen (Norvegia), e in molte città italiane tra le quali Torino, Cuneo, Roma, Firenze, Siena, Perugia, Bari, Cosenza. Ha approfondito anche l'attività di composizione e arrangiamento per fisarmonica diatonica, svolgendo abitualmente masterclass sull'argomento.

Da sempre impegnato a promuovere una visione colta della fisarmonica diatonica che non si releghi esclusivamente all'ambito folclorico ed etnocoreutico, Gianni Ventola Danese, con la progettazione e la realizzazione del Corso Multimediale Online di Organetto, offre per la prima volta un'opera didattica completa e innovativa che rimane oggi il metodo di insegnamento più usato al mondo per chi vuole avvicinarsi a questo strumento musicale o per chi invece ne vuole approfondire la prassi musicale ed esecutiva in ambito professionale.